Il sindaco gentile. Gli appalti, la camorra e un uomo onesto. La storia di Marcello Torre



Marcello Ravveduto

"La storia della camorra è disordinata, anarchica. Eppure c'è una data, I'11 dicembre del 1980, che fa da spartiacque per i clan come per l'Italia civile. Quel mattino venne ucciso a Pagani, in provincia di Salerno, il sindaco gentiluomo Marcello Torre. Democristiano indipendente, avvocato anche di camorristi, Torre si stava opponendo, da pubblico amministratore, a uno dei più grandiosi progetti di conquista criminale del Novecento: le mani della camorra sui lavori della ricostruzione dopo il terremoto che nemmeno venti giorni prima aveva squassato I'lrpinia. Per questo venne eliminato brutalmente su ordine di Raffaele Cutolo. In fretta, di corsa. Colpito per educare tutti gli altri amministratori che avessero voluto imitarlo. I clan campani arricchiti dal traffico di stupefacenti erano avviati al salto di qualità: far nascere la camorra-impresa, entrare nel settore legale e da lì rovesciare i rapporti con le istituzioni. Sulla memoria di Torre cadde un silenzio di imbarazzo e di vendetta. Specialmente a Pagani. La sua famiglia che chiedeva giustizia fu a lungo isolata. Si arrivò perfino, caso assolutamente unico, a intitolargli una piazza e a revocare I'intitolazione il giorno dopo. II libro ricostruisce quei fatti apparentemente lontani, ma che ancora bruciano nella carne viva del Paese." (Nando dalla Chiesa). Prefazione di don Luigi Ciotti.

  • Titolo:

    Il sindaco gentile. Gli appalti, la camorra e un uomo onesto. La storia di Marcello Torre
  • Autore:

    Marcello Ravveduto
  • Prezzo:

    € 15,00
  • Editore:

    Melampo
  • ISBN

    9788898231423
  • Data Pubblicazione:

    10/12/2015

Commenti