Voce mia. Scelta antologica di versi in dialetto napoletano editi e inediti ('A)



Paolo Cristiano

""Io saccio sulo 'sta parlata nosta, / e m'affaccio a sentì ll'aulive stuorte, / 'e ffilare spampanate 'e ll'uva, / scagne penziere cu 'e vuosche 'e castagne, / me sfogo cu 'a campagna / bella e su-lagna". In questi versi, come negli altri dell'intera antologia, emerge tutta la ricchezza lessicale di quel dialetto napoletano arricchito dalla presenza di alcune varianti, proprie dei luoghi in cui l'autore è nato e cresciuto, forma espressiva che diviene lo strumento grazie al quale ogni cosa prende vita: "e tutte 'sti ccose parlano / cu 'sta parlata ca ièsce 'a 'nterra / comm' a l'acqua, 'e sciure, / te trase int' all'osse e accussì / te fa esse chi si'". Questo il registro linguistico a lui più congeniale, che Carlo Emilio Gadda definiva la "lingua dell'amore", e quindi il modo migliore per esprimere un sentimento, uno stato d'animo. Linguaggio colto, perché il Napoletano è una lingua ben definita, con i suoi vocaboli, le sue regole, la sua musicalità e il suo carattere, il tutto appassionatamente approfondito dal poeta e che, comunque, nella sua complessità, è capace di rendere nei versi uno straordinario senso di immediatezza e spontaneità [...]". Prefazione di Annalisa Oliva. Con un ricordo di Nicola Terzulli.

  • Titolo:

    Voce mia. Scelta antologica di versi in dialetto napoletano editi e inediti ('A)
  • Autore:

    Paolo Cristiano
  • Prezzo:

    € 13,00
  • Editore:

    Tullio Pironti
  • ISBN

    9788879377171
  • Data Pubblicazione:

    26/11/2015

Commenti