Cuneo 1944-1945. Assassini, violenze, torture



Sergio Costagli

L'8 settembre 1943 si presentò un autentico dramma: amara considerazione che, se non serve a dare un senso agli avvenimenti, almeno può spiegare la diffusione di certi modi di agire individuali e, purtroppo, collettivi. Sono molti i temi e problemi affrontati e proposti secondo un originale ordine espositivo che indica molte connessioni tra l'incerto avvio della nostra vita democratica e il presente. Attraverso una documentazione articolata - esito di un intenso lavoro di ricerca - e una dettagliata cronologia, l'autore fa notare che è soprattutto il regime fascista a svelare il proprio volto corruttore, carico di conseguenze tuttora visibili, e che occorre farne risaltare il significato essenziale, senza lasciare nulla all'oblio e all'indifferenza. Molte tra le informazioni derivano dal ricordo dei sopravvissuti; memorie ancora vivide di quel cupo scenario cuneese, sincera e sofferta traccia del destino tragico, dell'avvicinarsi quasi impercettibile di un'irreparabile catastrofe. Da questa duplice angolazione, narrativa e riflessiva, tra le notizie ricomposte dalle testimonianze e grazie a un esame diretto di molti documenti, non potevano non giungere i riferimenti alla figura di Duccio Galimberti e alle azioni di Giustizia e Libertà. Con estrema concretezza, Costagli affronta un percorso aperto di reperimento dei dati materiali e immateriali che non accetta a scatola chiusa fatti e interpretazioni e non dimentica indizi a prima vista meno importanti...

  • Titolo:

    Cuneo 1944-1945. Assassini, violenze, torture
  • Autore:

    Sergio Costagli
  • Prezzo:

    € 22,00
  • Editore:

    Araba Fenice
  • ISBN

    9788866172475
  • Data Pubblicazione:

    01/01/2015

Commenti