Come liberarsi dalla schiavitù del peso, ovvero, 100 istruzioni ad uso dei prigioneri del corpo adiposo



Pietro Di Muccio de Quattro

Questo manualetto sull'igiene alimentare dell'essere umano offre consigli ai prigionieri del corpo adiposo. I suoi minimi precetti sul modo salutare di mangiare e bere sono soltanto il frutto del buon senso. Poiché un aspetto del buon senso è il senso delle proporzioni, l'opuscolo mira, appunto, a suggerire l'aureo règolo della proporzione alimentare. La sua minuta precettistica, al pari delle regole monastiche, aiuta a campare, non porta dritto in paradiso. È come l'aria buona, piacevole da respirare, senza prezzo, vitale. Qui troverai, lettore, lo sprone a considerare il tuo corpo con quell'affezione che, riferita all'intera persona, Erasmo chiamò "filautìa", in greco "amore di se stesso". Ma dovrai amarti con saggezza erasmiana, non con ingordigia gargantuesca. Così la "filautìa" giova a te e nuoce a nessuno. Che poi è quello a cui aspirano immodestamente queste istruzioni.

  • Titolo:

    Come liberarsi dalla schiavitù del peso, ovvero, 100 istruzioni ad uso dei prigioneri del corpo adiposo
  • Autore:

    Pietro Di Muccio de Quattro
  • Prezzo:

    € 10,00
  • Editore:

    Simple
  • ISBN

    9788862599603
  • Data Pubblicazione:

    01/01/2014

Commenti