Newton & Co., geni bastardi. Rivalità e dispute agli albori della fisica



Andrea Frova Mariapiera Marenzana

Sullo sfondo tormentato e vitale dell'Inghilterra del XVII secolo - guerre civili, regicidio e tirannia, peste e incendio di Londra - si stagliano le figure dei padri fondatori della Royal Society, con le loro vicende biografiche e conquiste intellettuali. Ingegni sublimi, ma soggetti a umane e talora meschine passioni, che li indussero a opporsi l'un l'altro talora con sorprendente acrimonia. Dallo sconcertante "divino" Newton al poliedrico ma dispersivo Hooke, dal pio astronomo reale Flamsteed al mondano Halley, dal grande architetto Wren al nobile Leibniz, e poi Huygens, Hevelius e altri ancora. Il libro illustra i traguardi scientifici di quei geni e i loro difficili ma stimolanti rapporti anche con i maggiori scienziati che operavano in Francia, Germania e Olanda. Erano gli anni in cui la scienza, nata in Italia con Galileo, emigrava in quei paesi dove, benché afflitta talora da alchimia e superstizione religiosa, trovava un terreno propizio allo sviluppo di un metodo di ricerca rigoroso. Prefazione di Piergiorgio Odifreddi.

  • Titolo:

    Newton & Co., geni bastardi. Rivalità e dispute agli albori della fisica
  • Autore:

    Andrea Frova Mariapiera Marenzana
  • Prezzo:

    € 22,00
  • Editore:

    Carocci
    Le sfere
  • ISBN

    9788843076536
  • Data Pubblicazione:

    16/04/2015

Commenti