Sándor Ferenczi «educatore». Eredità pedagogica e sensibilità clinica



Stefania Ulivieri Stiozzi

Sándor Ferenczi "educatore"? Può sembrare una forzatura addentrarsi nell'opera di uno dei grandi psicoanalisti della prima generazione - allievo tra i più brillanti di Freud e suo stretto collaboratore - per coglierne il portato educativo. Il pensiero di Ferenczi fu giudicato, allora, un pensiero al limite: troppo audace e "sperimentale" per non essere guardato con sospetto dallo stesso Freud, che ne condannerà la temerarietà clinica, tanto che le sue opere resteranno misconosciute per oltre sessant'anni, e conosceranno solo dalla metà degli anni ottanta una stagione di interesse. La sua opera vasta, poliedrica e a-sistematica permette di leggere in controluce il rapporto tra pedagogia e psicoanalisi, proprio agli albori del suo percorso di definizione scientifica. Clinico audace e temerario, ricercatore che interroga in profondità le tecniche messe in gioco nella relazione clinica, conoscitore profondo dell'ispirazione spirituale dell'infanzia e attento osservatore dei suoi abusi, Ferenczi è testimone di uno sguardo che interessa quanti, professionalmente e non, si dedicano a una relazione di cura.

  • Titolo:

    Sándor Ferenczi «educatore». Eredità pedagogica e sensibilità clinica
  • Autore:

    Stefania Ulivieri Stiozzi
  • Prezzo:

    € 17,50
  • Editore:

    Franco Angeli
    Pedagogia teoretica
  • ISBN

    9788820458560
  • Data Pubblicazione:

    12/10/2015

Commenti