Verso il disastro

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“I veri e più importanti diari di Mussolini sono questi della Petacci.”
— EMILIO RE, ISPETTORE GENERALE DEGLI ARCHIVI DI STATO (1950)

L’INTERVENTO IN GUERRA A FIANCO DEL FÜHRER, I GIUDIZI POLITICI DI MUSSOLINI, I RAPPORTI CON CIANO E GLI ALTRI STATISTI NEL RACCONTO DELLA DONNA A LUI PIÙ VICINA.

Conservati negli Archivi di Stato e coperti da segreto per settant’anni, i diari rivelano in Claretta Petacci una testimone d’eccezione dell’Italia fascista. Nel biennio cruciale 1939-1940 Hitler dà inizio al conflitto con l’invasione della Polonia e, superate le iniziali esitazioni, Mussolini scende in guerra al suo fianco. Nella puntigliosissima cronaca di ore, giornate, settimane e di anni Claretta riporta con minuzia le considerazioni che conducono Mussolini dalla neutralità all’entrata in guerra, i suoi commenti alle mosse di Germania, Francia, Inghilterra, le sue preoccupazioni per il futuro della nazione, i rapporti con il Vaticano, con la stampa, con i suoi più stretti collaboratori. Da Palazzo Venezia, un luogo-chiave della politica italiana e crocevia della diplomazia internazionale, Claretta assiste a telefonate del dittatore con ministri, dirigenti di polizia o con il direttore del “Popolo d’Italia” e si affretta a trascriverne il contenuto. Accanto ai resoconti degli incontri amorosi con il duce, questi diari registrano accuratamente ogni sua parola, fissandone sulla carta gesti e comportamenti, e rappresentano un documento storico preziosissimo per rivelare il lato più intimo — anche dal punto di vista politico — del dittatore italiano.

“I veri e più importanti diari di Mussolini sono questi della Petacci.”
— EMILIO RE, ISPETTORE GENERALE DEGLI ARCHIVI DI STATO (1950)

L’INTERVENTO IN GUERRA A FIANCO DEL FÜHRER, I GIUDIZI POLITICI DI MUSSOLINI, I RAPPORTI CON CIANO E GLI ALTRI STATISTI NEL RACCONTO DELLA DONNA A LUI PIÙ VICINA.

Conservati negli Archivi di Stato e coperti da segreto per settant’anni, i diari rivelano in Claretta Petacci una testimone d’eccezione dell’Italia fascista. Nel biennio cruciale 1939-1940 Hitler dà inizio al conflitto con l’invasione della Polonia e, superate le iniziali esitazioni, Mussolini scende in guerra al suo fianco. Nella puntigliosissima cronaca di ore, giornate, settimane e di anni Claretta riporta con minuzia le considerazioni che conducono Mussolini dalla neutralità all’entrata in guerra, i suoi commenti alle mosse di Germania, Francia, Inghilterra, le sue preoccupazioni per il futuro della nazione, i rapporti con il Vaticano, con la stampa, con i suoi più stretti collaboratori. Da Palazzo Venezia, un luogo-chiave della politica italiana e crocevia della diplomazia internazionale, Claretta assiste a telefonate del dittatore con ministri, dirigenti di polizia o con il direttore del “Popolo d’Italia” e si affretta a trascriverne il contenuto. Accanto ai resoconti degli incontri amorosi con il duce, questi diari registrano accuratamente ogni sua parola, fissandone sulla carta gesti e comportamenti, e rappresentano un documento storico preziosissimo per rivelare il lato più intimo — anche dal punto di vista politico — del dittatore italiano.

Commenti

Autore


  • Claretta Petacci

    Claretta Petacci (1912-1945), figlia di un medico romano, a vent’anni conosce Mussolini e ne diventa presto l’amante. Annota meticolosamente nei suoi diari ogni incontro con il duce e le confidenz [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Biografie e Memoir
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 21.50 €
    • Pagine: 468
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817047425
    • ISBN E-book: 9788858621042

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...