Tormenti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Rinaldo si sentiva in colpa. Quella notte dormì di un sonno agitato e sognò il duce che gli parlava. “Infimo, versipelle, disfattista, disfatto, cesso disumano, scucchione!” Rinaldo ribatté timidamente: “Duce, avete ragione in tutto, ma scucchione non è un po’ troppo?”. Mussolini rispose che meritava di peggio. Non sapeva forse che quanto non era specificatamente fascista era antifascista? “L’amore è fascista, specificatamente?” gli domandò. Rinaldo, confuso, rispose: “Sì, cioè no”.

Roma, tardi anni Trenta. In una smania di grandezza imperiale, la plurisecolare architettura della capitale è sconvolta dalla costruzione di Fori e monoliti, da demolizioni, ristrutturazioni, slargamenti e disintasamenti, in un patriottico risuonare di marce e fanfare. In questo sconquasso di lavori in corso e azzardate speranze si aggira Eleonora Ciancarelli detta Lolli, stiratrice diciannovenne destinata di lì a poco a un incontro fatale: quello con l’avvocato Rinaldo Maria Bonci Pavonazzi, anziano viveur dalla fregola conquistatrice che per la “fanciulla del popolino” svilupperà una sciagurata passione, un’ossessione che lo condurrà fino in Spagna, tra le fila del Regio Esercito di spalla agli insorti del generale Franco. Tra i suoi avversari, volontario delle Brigate Internazionali di sostegno al governo democratico spagnolo, il giovane pugilestudente Mario, rivale dell’avvocato in amore ancor prima che in guerra: due campi che in Tormenti si incrociano e sovrappongono in un racconto irresistibile, una vera perla della letteratura disegnata a opera di uno dei padri del cinema italiano.

“L’opera di Scarpelli è stata la medicina che ci ha guarito dal fascismo.”
Paolo Virzì

 

“Lo scopo della ‘commedia-fumetto’ non è quello di far esclamare al lettore un emozionato ‘uh!’. Semmai è quello di fargli sussurrare un sommesso ‘ah’, privo di punto esclamativo. Un sommesso ‘ah’ che tuttavia invita a prendere nota che, davvero, qui da noi, è esistita gente consueta che appare assolutamente inconsueta. Gente della quale domandarsi se (parapì e parapà) esiste ancora e sempre. Per pacato amore di logica si spera di no e per maliziosa simpatia si spera di sì, per poterla rappresentare, in qualche modo poi, nel teatrino delle figure e delle parole.”

Dalla nota introduttiva di Furio Scarpelli

Tormenti, l’ultima opera di Furio Scarpelli, è un’analisi intrigante e priva di pregiudizi della “gente italica”, un ritratto del nostro Paese narrato non per eventi ma per umanità: un “alfabeto dei sentimenti” postumo – a opera di un protagonista indiscusso del cinema italiano – che è non solo un romanzo, ma anche un film disegnato per la regia di Filiberto Scarpelli e prodotto da Bendico srl in collaborazione con RAI Cinema, presentato a novembre 2011 al Festival Internazionale del Film di Roma con le voci di Alba Rohrwacher, Luca Zingaretti, Valerio Mastandrea, Omero Antonutti ed Elio Pandolfi.

Rinaldo si sentiva in colpa. Quella notte dormì di un sonno agitato e sognò il duce che gli parlava. “Infimo, versipelle, disfattista, disfatto, cesso disumano, scucchione!” Rinaldo ribatté timidamente: “Duce, avete ragione in tutto, ma scucchione non è un po’ troppo?”. Mussolini rispose che meritava di peggio. Non sapeva forse che quanto non era specificatamente fascista era antifascista? “L’amore è fascista, specificatamente?” gli domandò. Rinaldo, confuso, rispose: “Sì, cioè no”.

Roma, tardi anni Trenta. In una smania di grandezza imperiale, la plurisecolare architettura della capitale è sconvolta dalla costruzione di Fori e monoliti, da demolizioni, ristrutturazioni, slargamenti e disintasamenti, in un patriottico risuonare di marce e fanfare. In questo sconquasso di lavori in corso e azzardate speranze si aggira Eleonora Ciancarelli detta Lolli, stiratrice diciannovenne destinata di lì a poco a un incontro fatale: quello con l’avvocato Rinaldo Maria Bonci Pavonazzi, anziano viveur dalla fregola conquistatrice che per la “fanciulla del popolino” svilupperà una sciagurata passione, un’ossessione che lo condurrà fino in Spagna, tra le fila del Regio Esercito di spalla agli insorti del generale Franco. Tra i suoi avversari, volontario delle Brigate Internazionali di sostegno al governo democratico spagnolo, il giovane pugilestudente Mario, rivale dell’avvocato in amore ancor prima che in guerra: due campi che in Tormenti si incrociano e sovrappongono in un racconto irresistibile, una vera perla della letteratura disegnata a opera di uno dei padri del cinema italiano.

“L’opera di Scarpelli è stata la medicina che ci ha guarito dal fascismo.”
Paolo Virzì

 

“Lo scopo della ‘commedia-fumetto’ non è quello di far esclamare al lettore un emozionato ‘uh!’. Semmai è quello di fargli sussurrare un sommesso ‘ah’, privo di punto esclamativo. Un sommesso ‘ah’ che tuttavia invita a prendere nota che, davvero, qui da noi, è esistita gente consueta che appare assolutamente inconsueta. Gente della quale domandarsi se (parapì e parapà) esiste ancora e sempre. Per pacato amore di logica si spera di no e per maliziosa simpatia si spera di sì, per poterla rappresentare, in qualche modo poi, nel teatrino delle figure e delle parole.”

Dalla nota introduttiva di Furio Scarpelli

Tormenti, l’ultima opera di Furio Scarpelli, è un’analisi intrigante e priva di pregiudizi della “gente italica”, un ritratto del nostro Paese narrato non per eventi ma per umanità: un “alfabeto dei sentimenti” postumo – a opera di un protagonista indiscusso del cinema italiano – che è non solo un romanzo, ma anche un film disegnato per la regia di Filiberto Scarpelli e prodotto da Bendico srl in collaborazione con RAI Cinema, presentato a novembre 2011 al Festival Internazionale del Film di Roma con le voci di Alba Rohrwacher, Luca Zingaretti, Valerio Mastandrea, Omero Antonutti ed Elio Pandolfi.

Commenti

Autore


  • Furio Scarpelli

    FURIO SCARPELLI (Roma 1919-2010) ha lavorato come disegnatore per alcune riviste di satira prima di approdare alla sceneggiatura per il cinema nel 1949. È allora infatti che dà vita, con lo scompars [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Lizard
    • Genere e argomento: Fumetti e Graphic Novel
    • Collana: LIZARD
    • Prezzo: 17.00 €
    • Pagine: 128
    • Formato libro: 24 x 17
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817053488
    • ISBN E-book: 9788858622742

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...