Senti questo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Odio la ‘musica classica’: non la cosa in sé, bensì il termine.
Rinchiude un’arte tenacemente attaccata alla vita nel parco a tema del passato.
Oblitera la possibilità che ancor oggi venga creata musica nello spirito di Beethoven.
Invidio i jazzisti che parlano semplicemente della ‘musica’.”

“UNA GIOIA CHE UNISCE GLI APPASSIONATI DI MUSICA CLASSICA E I FAN DEL POP.”
THE NEW YORK TIMES

Il resto è rumore, raro esempio di best seller che affrontava il tema “esoterico” della musica contemporanea, oltre a conquistare numerosi premi e guadagnarsi il plauso della critica, è riuscito in un’impresa che sembrava impossibile: parlare di musica d’avanguardia ai non iniziati, trasmetterne la passione anche a chi, pur non avendo compiuto studi specialistici, condivide l’amore dell’autore per il suono (e forse anche per il rumore) in tutte le sue forme. Questo nuovo volume di Alex Ross continua tale esplorazione senza limiti e preconcetti, seguendo ad esempio il tortuoso cammino di una semplice linea di basso, il basso del lamento, che attraversa la storia della musica da Monteverdi ai Beatles, passando per la Messa in Si minore di Bach e la Nona di Beethoven; o ricostruendo le reincarnazioni di una danza che, arrivata dalle colonie spagnole del Nuovo Mondo, viene trasformata da Frescobaldi, resa immortale da Bach e ballata alla corte del Re Sole per riaffiorare nella sperimentazione novecentesca di Ligeti. Accanto a ritratti impressionistici di giganti della tradizione – Mozart, Schubert e Verdi – appaiono profili di icone della musica popolare – Radiohead, Bob Dylan e Björk – mentre dalla Shangri-La dell’eccellenza classica, la scuola del Marlboro, si passa ai quartieri poveri dove insegnanti coraggiosi cercano di formare nuove generazioni di musicisti e strappare la classica al monopolio di un “culto di mediocre elitarismo”.
Intrecciando arte e vita, musica e storia, Alex Ross ci offre “barlumi, sprazzi di un mondo futuro nel quale svaniscono le ideologie, le teleologie, le guerre stilistiche e le divisioni che hanno definito la musica negli ultimi cento anni. La musica viene riportata alla sua beatitudine originaria, libera dal timore della presunzione che limita la musica popolare e dal timore della volgarità che limita quella classica”.

“Odio la ‘musica classica’: non la cosa in sé, bensì il termine.
Rinchiude un’arte tenacemente attaccata alla vita nel parco a tema del passato.
Oblitera la possibilità che ancor oggi venga creata musica nello spirito di Beethoven.
Invidio i jazzisti che parlano semplicemente della ‘musica’.”

“UNA GIOIA CHE UNISCE GLI APPASSIONATI DI MUSICA CLASSICA E I FAN DEL POP.”
THE NEW YORK TIMES

Il resto è rumore, raro esempio di best seller che affrontava il tema “esoterico” della musica contemporanea, oltre a conquistare numerosi premi e guadagnarsi il plauso della critica, è riuscito in un’impresa che sembrava impossibile: parlare di musica d’avanguardia ai non iniziati, trasmetterne la passione anche a chi, pur non avendo compiuto studi specialistici, condivide l’amore dell’autore per il suono (e forse anche per il rumore) in tutte le sue forme. Questo nuovo volume di Alex Ross continua tale esplorazione senza limiti e preconcetti, seguendo ad esempio il tortuoso cammino di una semplice linea di basso, il basso del lamento, che attraversa la storia della musica da Monteverdi ai Beatles, passando per la Messa in Si minore di Bach e la Nona di Beethoven; o ricostruendo le reincarnazioni di una danza che, arrivata dalle colonie spagnole del Nuovo Mondo, viene trasformata da Frescobaldi, resa immortale da Bach e ballata alla corte del Re Sole per riaffiorare nella sperimentazione novecentesca di Ligeti. Accanto a ritratti impressionistici di giganti della tradizione – Mozart, Schubert e Verdi – appaiono profili di icone della musica popolare – Radiohead, Bob Dylan e Björk – mentre dalla Shangri-La dell’eccellenza classica, la scuola del Marlboro, si passa ai quartieri poveri dove insegnanti coraggiosi cercano di formare nuove generazioni di musicisti e strappare la classica al monopolio di un “culto di mediocre elitarismo”.
Intrecciando arte e vita, musica e storia, Alex Ross ci offre “barlumi, sprazzi di un mondo futuro nel quale svaniscono le ideologie, le teleologie, le guerre stilistiche e le divisioni che hanno definito la musica negli ultimi cento anni. La musica viene riportata alla sua beatitudine originaria, libera dal timore della presunzione che limita la musica popolare e dal timore della volgarità che limita quella classica”.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Genere e argomento: Arte, Musica, Spettacolo
    • Collana: OVERLOOK
    • Prezzo: 24.00 €
    • Pagine: 588
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845267192

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...