Romanzi II

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Per un uomo così poco quotidiano come Tolstoj la quotidianità deve essere stata un sogno. Nulla gli fu risparmiato. Nessuna traccia, nemmeno l’ombra o il barlume, d’un lieto fine. Heinrich Böll Nell’opera di Tolstoj compaiono innumerevoli interrogativi sull’amore, sulla felicità coniugale, sull’atteggiamento morale nei rapporti più intimi tra uomo e donna: servono a indagare le tensioni fra natura e cultura, a rovesciare dall’interno le strutture di una società patriarcale, la sua ideologia, i rapporti fra le classi. Questi temi troveranno il loro punto di massima espressione artistica in Anna Karenina, nei tormenti della protagonista di una storia tragica che è prima di tutto un’epopea della psicologia umana. Tanto nei rapporti “corrotti” tra Anna e Vrònskij, quanto in quelli “puri” tra Kitty e Lévin, si dipana un groviglio morale: può perdurare l’amore senza il sostegno di legami sociali o economici? Questa domanda fu al centro della vita stessa di Tolstoj, che aveva pubblicato nel 1859 La felicità familiare, apologia dell’amore domestico attraverso le quiete aspirazioni di Sergej e Maša, e oltre trent’anni dopo scriverà La sonata a Kreutzer, definitiva e impietosa analisi del matrimonio borghese, potente dissoluzione del mito tradizionale della famiglia, capolavoro di ossessione e di cinismo. Saranno forse queste ultime considerazioni a portarlo, la notte del 28 ottobre 1910, ad allontanarsi da casa, abbandonando la moglie e i figli e viaggiando su treni di terza classe fino alla stazione di Astapovo, dove morirà pochi giorni dopo?

Per un uomo così poco quotidiano come Tolstoj la quotidianità deve essere stata un sogno. Nulla gli fu risparmiato. Nessuna traccia, nemmeno l’ombra o il barlume, d’un lieto fine. Heinrich Böll Nell’opera di Tolstoj compaiono innumerevoli interrogativi sull’amore, sulla felicità coniugale, sull’atteggiamento morale nei rapporti più intimi tra uomo e donna: servono a indagare le tensioni fra natura e cultura, a rovesciare dall’interno le strutture di una società patriarcale, la sua ideologia, i rapporti fra le classi. Questi temi troveranno il loro punto di massima espressione artistica in Anna Karenina, nei tormenti della protagonista di una storia tragica che è prima di tutto un’epopea della psicologia umana. Tanto nei rapporti “corrotti” tra Anna e Vrònskij, quanto in quelli “puri” tra Kitty e Lévin, si dipana un groviglio morale: può perdurare l’amore senza il sostegno di legami sociali o economici? Questa domanda fu al centro della vita stessa di Tolstoj, che aveva pubblicato nel 1859 La felicità familiare, apologia dell’amore domestico attraverso le quiete aspirazioni di Sergej e Maša, e oltre trent’anni dopo scriverà La sonata a Kreutzer, definitiva e impietosa analisi del matrimonio borghese, potente dissoluzione del mito tradizionale della famiglia, capolavoro di ossessione e di cinismo. Saranno forse queste ultime considerazioni a portarlo, la notte del 28 ottobre 1910, ad allontanarsi da casa, abbandonando la moglie e i figli e viaggiando su treni di terza classe fino alla stazione di Astapovo, dove morirà pochi giorni dopo?

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Genere e argomento: Narrativa moderna e contemporanea
    • Collana: CLASSICI
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 1116
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817050722
    • ISBN E-book: 9788858623053

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...