Quando il pane era buono

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Nella cucina del portone dei Valentini, la grande casa comune dove vive tutta la famiglia, si sente forte l’odore di cipolla, aglio ed erbe aromatiche. C’è sempre qualcosa sul fuoco, ma sfamare tre bambini con un papà lontano a volte è un’impresa, ed è così che uno di loro, il piccolo Mario di quattro anni, ha l’occasione di cambiare vita, vincendo suo malgrado il biglietto d’ingresso per un futuro migliore. Sono gli anni Cinquanta a Collemare, un villaggio abruzzese arroccato sugli Appennini, quando Mario lascia il nido insieme allo zio, un prete giramondo dal cuore grande. Ancora non sa che seguire don Ruggero, anche sotto la strettissima sorveglianza della perpetua Ercolina, significherà spalancare gli occhi su un mondo meraviglioso, dove lo aspettano avventure straordinarie: se prima, a casa, giocava con un pallone di carta e spago – ai piedi le sue ciocie fatte di stracci – adesso Mario porta scarpe e calze di prima qualità, sfreccia in automobile per le strette strade di montagna dell’Abruzzo e ha addirittura il permesso di aiutare lo zio a montare le pellicole dei cinema di paese. E tra le prime lezioni di politica da un garibaldino d’eccezione e una gara di coltelli con una principessa molto diversa da quelle delle favole, Mario imparerà in fretta che non bastano un pacchetto di sigarette e un chewing-gum per diventare davvero grandi. Quando il pane era buono è il racconto commovente e spassoso di un ragazzino che diventa uomo, e attraverso la sua voce è capace di trasformare la storia personale in memoria condivisa. Per ricordarci l’Italia che ha fatto di noi quello che siamo.

Nella cucina del portone dei Valentini, la grande casa comune dove vive tutta la famiglia, si sente forte l’odore di cipolla, aglio ed erbe aromatiche. C’è sempre qualcosa sul fuoco, ma sfamare tre bambini con un papà lontano a volte è un’impresa, ed è così che uno di loro, il piccolo Mario di quattro anni, ha l’occasione di cambiare vita, vincendo suo malgrado il biglietto d’ingresso per un futuro migliore. Sono gli anni Cinquanta a Collemare, un villaggio abruzzese arroccato sugli Appennini, quando Mario lascia il nido insieme allo zio, un prete giramondo dal cuore grande. Ancora non sa che seguire don Ruggero, anche sotto la strettissima sorveglianza della perpetua Ercolina, significherà spalancare gli occhi su un mondo meraviglioso, dove lo aspettano avventure straordinarie: se prima, a casa, giocava con un pallone di carta e spago – ai piedi le sue ciocie fatte di stracci – adesso Mario porta scarpe e calze di prima qualità, sfreccia in automobile per le strette strade di montagna dell’Abruzzo e ha addirittura il permesso di aiutare lo zio a montare le pellicole dei cinema di paese. E tra le prime lezioni di politica da un garibaldino d’eccezione e una gara di coltelli con una principessa molto diversa da quelle delle favole, Mario imparerà in fretta che non bastano un pacchetto di sigarette e un chewing-gum per diventare davvero grandi. Quando il pane era buono è il racconto commovente e spassoso di un ragazzino che diventa uomo, e attraverso la sua voce è capace di trasformare la storia personale in memoria condivisa. Per ricordarci l’Italia che ha fatto di noi quello che siamo.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Narrativa moderna e contemporanea
    • Collana: NARRATIVA ITALIANA
    • Prezzo: 18.50 €
    • Pagine: 400
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817072519

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...