Passi da gigante

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

Si potrebbe cominciare da quel giorno d’inverno del 1963 in cui un giovanissimo Dino si presentò al suo primo allenamento con la Ignis Varese indossando un paio di splendide Superga rosse, giusto il colore degli acerrimi rivali del Simmenthal Milano.
Oppure da quell’abbraccio al figlio Andrea, nel 1990, alla fine dello storico match in cui si affrontarono in campo da avversari: unico caso di scontro diretto fra due generazioni nella storia del basket italiano.
O ancora dalle vittorie più belle: i due “grandi Slam” (scudetto, Coppa dei Campioni, Coppa Italia e Coppa Intercontinentale), uno con Varese nel 1970, l’altro con Milano nel 1987, l’argento olimpico con la Nazionale nel 1980, l’oro europeo nel 1983. E come dimenticare quel 5 settembre 2003, data d’ingresso di Dino nella Hall of Fame di Springfield, “l’arca della gloria del basket”?
Da qualsiasi punto si scelga di iniziare a raccontarla, la carriera di Dino Meneghin — amato follemente dai suoi tifosi, rispettato dagli avversari non solo per la sua grinta sotto canestro ma anche per le eccezionali qualità umane — resta meravigliosa, inimitabile. Passi da gigante ci offre l’occasione di ripercorrerla per la prima volta… dall’alto, insieme con Dino, ma anche di scoprire un basket di uomini veri e ragazzi terribili, ai tempi in cui nascondere casse di vino fresco nei bagni dei ritiri, riempire a tradimento di schiuma la vasca dell’idromassaggio e farcire le scarpe di un malcapitato compagno con la crema per i piedi erano “gesti tecnici” necessari per vincere, non meno di un terzo tempo, di un rimbalzo o di un canestro nel momento clou di una serie scudetto.

“Ehi, ma tu hai mai giocato a basket?”
mi domandò a bruciapelo il coach.
“No, non ho mai provato…”
“Allora prova a correre. Sì, fammi vedere come corri. Tieni pure addosso il cappotto…”
Dopo due o tre avanti-indietro per la palestra, arrivò il verdetto: “Torna domani con le scarpe da basket: comincerai subito gli allenamenti”.
Rientrato a casa, comunicai la grande notizia: “Mamma, mi serve subito un paio di scarpe da basket…”.
“Dino, che cos’è il basket?”
Pensai: siamo a posto, cominciamo bene…

Si potrebbe cominciare da quel giorno d’inverno del 1963 in cui un giovanissimo Dino si presentò al suo primo allenamento con la Ignis Varese indossando un paio di splendide Superga rosse, giusto il colore degli acerrimi rivali del Simmenthal Milano.
Oppure da quell’abbraccio al figlio Andrea, nel 1990, alla fine dello storico match in cui si affrontarono in campo da avversari: unico caso di scontro diretto fra due generazioni nella storia del basket italiano.
O ancora dalle vittorie più belle: i due “grandi Slam” (scudetto, Coppa dei Campioni, Coppa Italia e Coppa Intercontinentale), uno con Varese nel 1970, l’altro con Milano nel 1987, l’argento olimpico con la Nazionale nel 1980, l’oro europeo nel 1983. E come dimenticare quel 5 settembre 2003, data d’ingresso di Dino nella Hall of Fame di Springfield, “l’arca della gloria del basket”?
Da qualsiasi punto si scelga di iniziare a raccontarla, la carriera di Dino Meneghin — amato follemente dai suoi tifosi, rispettato dagli avversari non solo per la sua grinta sotto canestro ma anche per le eccezionali qualità umane — resta meravigliosa, inimitabile. Passi da gigante ci offre l’occasione di ripercorrerla per la prima volta… dall’alto, insieme con Dino, ma anche di scoprire un basket di uomini veri e ragazzi terribili, ai tempi in cui nascondere casse di vino fresco nei bagni dei ritiri, riempire a tradimento di schiuma la vasca dell’idromassaggio e farcire le scarpe di un malcapitato compagno con la crema per i piedi erano “gesti tecnici” necessari per vincere, non meno di un terzo tempo, di un rimbalzo o di un canestro nel momento clou di una serie scudetto.

“Ehi, ma tu hai mai giocato a basket?”
mi domandò a bruciapelo il coach.
“No, non ho mai provato…”
“Allora prova a correre. Sì, fammi vedere come corri. Tieni pure addosso il cappotto…”
Dopo due o tre avanti-indietro per la palestra, arrivò il verdetto: “Torna domani con le scarpe da basket: comincerai subito gli allenamenti”.
Rientrato a casa, comunicai la grande notizia: “Mamma, mi serve subito un paio di scarpe da basket…”.
“Dino, che cos’è il basket?”
Pensai: siamo a posto, cominciamo bene…

Commenti

Autori (2)


  • Flavio Vanetti

    FLAVIO VANETTI, varesino, è una delle voci critiche del giornalismo cestistico italiano. Firma del “Corriere della Sera” dal 1989, dopo quattro anni di salutare gavetta a “La Prealpina” di Va [...]

  • Dino Meneghin

    Dino Meneghin (Alano di Piave, BL, 1950) è il più grande cestista italiano di tutti i tempi. Tra il 1966 e il 1994 ha giocato in serie A per Pallacanestro Varese, Olimpia Milano e Pallacanestro Trie [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Biografie e Memoir
    • Collana: VARIA
    • Prezzo: 18.00 €
    • Pagine: 288
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817051392
    • ISBN E-book: 9788858621974

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...