Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Mémé

Philippe Torreton

Rizzoli

“Quella vita domestica aveva per me un sapore selvaggio, un sapore di libertà, un sapore di unico superstite. Grazie a te, so accendere il fuoco.”

Una casa in Normandia così umida da sembrare un sottomarino disperso ma un cuore caldo; un borsellino vuoto ma una tavola sempre apparecchiata, magari con gli avanzi; un’infanzia rubata a colpi di necessità per far posto a una vita grama ma non un lamento. Questa è mémé, nel ritratto pieno di affetto, tenerezza e nostalgia che Torreton dedica a sua nonna, una donna semplice e straordinaria, magnifica nella sua normalità, parca di parole ma generosa in prove d’amore e sacrifici. Mémé che gli ha insegnato a vivere con i piedi per terra, a fare quel che si può con quel che si ha, che gli ha trasmesso il buon senso figlio della miseria e gli ha lasciato in eredità il rispetto. Nel ricordo vivido e incisivo dell’autore, la casa di mémé diventa un luogo della memoria per tutti noi, di un tempo che non c’è più, ma che oggi potremmo rimpiangere. Una lettera d’amore che colpisce, commuove e fa riflettere.