Meditazione su un manico di scopa e…

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


A cura di Attilio Brilli

Se si dovesse mai creare una scuola per scrittori satirici, caricaturisti, parodisti e simili, i testi di Jonathan Swift ne costituirebbero senza dubbio l'abbecedario. Perché proprio in questo sta la sua grandezza: nell'essere le sue satire delle autentiche vivisezioni di una realtà politica, religiosa, culturale storicamente definita, ma anche delle rappresentazioni di un'umanità senza tempo nelle quali ci è sin troppo agevole riconoscere il modo di essere e di agire di noi stessi e dei nostri simili. Per fare un solo esempio, la Modesta proposta con la quale Swift suggerisce agli irlandesi di praticare il cannibalismo sugli infanti, può essere letta come l'ultima disperata, paradossale denuncia dello sfruttamento
britannico sul popolo irlandese, e allo stesso tempo come l'atto in cui si
realizza l'infrazione del più sacro dei tabù sociali o, se si preferisce, la liberazione, come avrebbe detto Burgess, dell'energia dell'antropofago. E proprio a questo Swift pensava Walter Benjamin quando diceva che «il satirico è la figura sotto cui l'antropofago fu accolto dalla civiltà».

A cura di Attilio Brilli

Se si dovesse mai creare una scuola per scrittori satirici, caricaturisti, parodisti e simili, i testi di Jonathan Swift ne costituirebbero senza dubbio l'abbecedario. Perché proprio in questo sta la sua grandezza: nell'essere le sue satire delle autentiche vivisezioni di una realtà politica, religiosa, culturale storicamente definita, ma anche delle rappresentazioni di un'umanità senza tempo nelle quali ci è sin troppo agevole riconoscere il modo di essere e di agire di noi stessi e dei nostri simili. Per fare un solo esempio, la Modesta proposta con la quale Swift suggerisce agli irlandesi di praticare il cannibalismo sugli infanti, può essere letta come l'ultima disperata, paradossale denuncia dello sfruttamento
britannico sul popolo irlandese, e allo stesso tempo come l'atto in cui si
realizza l'infrazione del più sacro dei tabù sociali o, se si preferisce, la liberazione, come avrebbe detto Burgess, dell'energia dell'antropofago. E proprio a questo Swift pensava Walter Benjamin quando diceva che «il satirico è la figura sotto cui l'antropofago fu accolto dalla civiltà».

Commenti

Autore


  • Jonathan Swift

    Jonathan Swift (1667-1745), ecclesiastico, dopo un periodo di intenso impegno politico in Inghilterra, tornò a vivere a Dublino, dove era nato e dove scrisse i "Viaggi di Gulliver". Fu autore anche d [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Archinto
    • Collana: ARCHINTO
    • Prezzo: 13.00 €
    • Pagine: 168
    • Formato libro: 18 x 11
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788877685025

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...