Lettere dal fronte a Mario Puccini

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Tra le migliaia di soldati italiani impegnati nel 1917 sul fronte isontino, si trovano due scrittori già amici da qualche anno: Mario Puccini, ufficiale in servizio presso il Comando supremo della III armata, e Giuseppe Unga­retti, soldato semplice nel 19° reggimento, dove milita sin dal novembre del 1915 e dove ha maturato le drammatiche esperienze militari ispiratrici delle poesie del Porto sepolto, pubblicato sul finire del 1916. E dell’accoglienza critica ricevuta da questo libriccino scrive Ungaretti in una delle prime lettere indirizzate a Puccini tra l’aprile e il dicembre di quell’anno funesto; come pure scrive, polemicamente, di d’Annunzio, che fa «le pose plastiche in ginocchio davanti ai feretri dinanzi al fotografo sempre immancabile». Ma in queste lettere Ungaretti racconta anche la sua vita difficile al fronte «macerato di malinconia» e tanto in cattiva salute da essere dichiarato inabile alle fatiche di guerra; per questo sarà avviato a un corso per diventare ufficiale contro la sua volontà di rimanere soldato tra i soldati, ritenendosi inadeguato a comandare e a dare ordini. E poi arriva Caporetto, che in una lettera di novembre Unga­retti racconta in tutta la sua drammaticità: «buttato via come una pietra da una violenza bruta» dopo aver visto «schiantati» tanti «docili, poveri compagni». In queste lettere, qui pubblicate per la prima volta, Ungaretti racconta, con le parole incise e definitive della grande poesia, la guerra vista con gli occhi dell’umile fante.

Tra le migliaia di soldati italiani impegnati nel 1917 sul fronte isontino, si trovano due scrittori già amici da qualche anno: Mario Puccini, ufficiale in servizio presso il Comando supremo della III armata, e Giuseppe Unga­retti, soldato semplice nel 19° reggimento, dove milita sin dal novembre del 1915 e dove ha maturato le drammatiche esperienze militari ispiratrici delle poesie del Porto sepolto, pubblicato sul finire del 1916. E dell’accoglienza critica ricevuta da questo libriccino scrive Ungaretti in una delle prime lettere indirizzate a Puccini tra l’aprile e il dicembre di quell’anno funesto; come pure scrive, polemicamente, di d’Annunzio, che fa «le pose plastiche in ginocchio davanti ai feretri dinanzi al fotografo sempre immancabile». Ma in queste lettere Ungaretti racconta anche la sua vita difficile al fronte «macerato di malinconia» e tanto in cattiva salute da essere dichiarato inabile alle fatiche di guerra; per questo sarà avviato a un corso per diventare ufficiale contro la sua volontà di rimanere soldato tra i soldati, ritenendosi inadeguato a comandare e a dare ordini. E poi arriva Caporetto, che in una lettera di novembre Unga­retti racconta in tutta la sua drammaticità: «buttato via come una pietra da una violenza bruta» dopo aver visto «schiantati» tanti «docili, poveri compagni». In queste lettere, qui pubblicate per la prima volta, Ungaretti racconta, con le parole incise e definitive della grande poesia, la guerra vista con gli occhi dell’umile fante.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Archinto
    • Collana: ARCHINTO-LETTERE
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 80
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788877686718

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...