La Chiesa di Mussolini

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Da due Vaticani partono oggi le encicliche: da quello di Roma e da quello di Mosca.
Noi siamo gli eretici di queste due religioni.
Noi soli, immuni al contagio.
— BENITO MUSSOLINI

E forse ci voleva anche un uomo come quello che la Provvidenza ci ha fatto incontrare.
— PIO XI

DALLA VIOLENZA SQUADRISTA ALLA POLITICA DELLA MANO TESA: COME MUSSOLINI HA SEDOTTO L’ELETTORATO CATTOLICO E MANIPOLATO LA CHIESA.

“PREGARE, SE NON AIUTA CERTAMENTE NON NUOCE”: così Benito Mussolini riassumeva il suo rapporto volutamente ambiguo con il cattolicesimo. Ateo convinto, si era conquistato il favore degli squadristi grazie alla sua veemente retorica anticlericale, ma una volta salito al potere nel 1922 non esitò a cambiare rotta pur di assicurarsi il sostegno e la legittimazione delle gerarchie vaticane. Concesse agevolazioni non richieste, intavolò delicate trattative diplomatiche per risolvere la questione romana, mitigò cinquant’anni di legislazione separatista, arrivò a fingersi rispettoso delle tradizioni portando all’altare donna Rachele: un’avveduta politica della “mano tesa” che aveva il duplice obiettivo di guadagnare credibilità nazionale e internazionale e di rassicurare il diffidente elettorato cattolico. Ma allo stesso tempo il Duce esautorava il Partito popolare di don Sturzo e soddisfaceva le istanze dei fascisti della prima ora incoraggiando le aggressioni al clero locale e alle cooperative bianche (atti di violenza che in pubblico condannava). Intanto, il Papa si barcamenava in una strategia prudente e attendista che, nell’intento di assicurarsi maggiori privilegi, condannò poi il Vaticano ad accettare compromessi sempre più pesanti, fino a rinunciare al controllo sull’associazionismo e l’educazione giovanile.
Setacciando epistolari ed archivi per recuperare documenti inediti e rivelatori, Giovanni Sale riporta alla luce i retroscena di una lunga trattativa culminata nella firma dei Patti Lateranensi, ricostruisce le posizioni delle parti, ora dettate dal tornaconto, ora dallo sdegno, e dimostra l’astuzia di una strategia ben dissimulata che permise a Mussolini di impostare il fascismo come nuova religione di Stato. Il tutto facendosi proclamare agli occhi del mondo “uomo della Provvidenza”.

Da due Vaticani partono oggi le encicliche: da quello di Roma e da quello di Mosca.
Noi siamo gli eretici di queste due religioni.
Noi soli, immuni al contagio.
— BENITO MUSSOLINI

E forse ci voleva anche un uomo come quello che la Provvidenza ci ha fatto incontrare.
— PIO XI

DALLA VIOLENZA SQUADRISTA ALLA POLITICA DELLA MANO TESA: COME MUSSOLINI HA SEDOTTO L’ELETTORATO CATTOLICO E MANIPOLATO LA CHIESA.

“PREGARE, SE NON AIUTA CERTAMENTE NON NUOCE”: così Benito Mussolini riassumeva il suo rapporto volutamente ambiguo con il cattolicesimo. Ateo convinto, si era conquistato il favore degli squadristi grazie alla sua veemente retorica anticlericale, ma una volta salito al potere nel 1922 non esitò a cambiare rotta pur di assicurarsi il sostegno e la legittimazione delle gerarchie vaticane. Concesse agevolazioni non richieste, intavolò delicate trattative diplomatiche per risolvere la questione romana, mitigò cinquant’anni di legislazione separatista, arrivò a fingersi rispettoso delle tradizioni portando all’altare donna Rachele: un’avveduta politica della “mano tesa” che aveva il duplice obiettivo di guadagnare credibilità nazionale e internazionale e di rassicurare il diffidente elettorato cattolico. Ma allo stesso tempo il Duce esautorava il Partito popolare di don Sturzo e soddisfaceva le istanze dei fascisti della prima ora incoraggiando le aggressioni al clero locale e alle cooperative bianche (atti di violenza che in pubblico condannava). Intanto, il Papa si barcamenava in una strategia prudente e attendista che, nell’intento di assicurarsi maggiori privilegi, condannò poi il Vaticano ad accettare compromessi sempre più pesanti, fino a rinunciare al controllo sull’associazionismo e l’educazione giovanile.
Setacciando epistolari ed archivi per recuperare documenti inediti e rivelatori, Giovanni Sale riporta alla luce i retroscena di una lunga trattativa culminata nella firma dei Patti Lateranensi, ricostruisce le posizioni delle parti, ora dettate dal tornaconto, ora dallo sdegno, e dimostra l’astuzia di una strategia ben dissimulata che permise a Mussolini di impostare il fascismo come nuova religione di Stato. Il tutto facendosi proclamare agli occhi del mondo “uomo della Provvidenza”.

Commenti

Autore


  • Giovanni Sale

    GIOVANNI SALE, gesuita, nato a Mara (SS) nel 1958, insegna Storia della Chiesa contemporanea nella Pontificia Università Gregoriana di Roma, e fa parte della redazione della rivista “La Civiltà Ca [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Storia e Avventura
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 20.00 €
    • Pagine: 304
    • Formato libro: 22 x 16
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817048217
    • ISBN E-book: 9788858622445

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...