Italia dell’Asse (13) (L’)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...

,

Terminata la campagna d’Abissinia, il Regime annuncia con grande enfasi la rinascita dell’Impero italiano. La posizione del Paese nel fragile equilibrio europeo si fa delicata, e il fascismo la radicalizza ulteriormente decidendo di intervenire in cruciali crisi internazionali: prima quella spagnola, poi l’austriaca e la cecoslovacca. Il bisogno comune di stabilità – con le nuove colonie percorse dalla guerriglia, una posizione diplomatica compromessa, le finanze provate per lo sforzo bellico – rimane inascoltato. Intanto nasce l’“Asse Roma-Berlino”, vengono promulgate leggi razziali sul modello di quelle tedesche, l’Italia aderisce al patto anti-Comintern ed esce dalla Società delle Nazioni; il legame tra Duce e Hitler è sempre più evidente. Dal 1936, quattro anni soltanto segnano tutta la ripida china che ci ha condotti alla seconda guerra mondiale. Mentre il progetto del Terzo Reich sconvolge l’Europa, il miraggio di una vittoria facile e sicura convince Mussolini a schierarsi al fianco dell’alleato. Il 10 giugno 1940 l’imperativo “Vincere!” sancisce l’ingresso dell’Italia nel conflitto. Le acclamazioni della folla, però, celano un malcontento ormai diffuso: la crisi tra il popolo e il suo campione si è consumata. Montanelli e Cervi affrontano un periodo ricco di avvenimenti e conseguenze; con una competenza indiscussa e illuminata dalle memorie personali, ci raccontano “senza pregiudizi né partiti presi” un passaggio cruciale della nostra storia.

Terminata la campagna d’Abissinia, il Regime annuncia con grande enfasi la rinascita dell’Impero italiano. La posizione del Paese nel fragile equilibrio europeo si fa delicata, e il fascismo la radicalizza ulteriormente decidendo di intervenire in cruciali crisi internazionali: prima quella spagnola, poi l’austriaca e la cecoslovacca. Il bisogno comune di stabilità – con le nuove colonie percorse dalla guerriglia, una posizione diplomatica compromessa, le finanze provate per lo sforzo bellico – rimane inascoltato. Intanto nasce l’“Asse Roma-Berlino”, vengono promulgate leggi razziali sul modello di quelle tedesche, l’Italia aderisce al patto anti-Comintern ed esce dalla Società delle Nazioni; il legame tra Duce e Hitler è sempre più evidente. Dal 1936, quattro anni soltanto segnano tutta la ripida china che ci ha condotti alla seconda guerra mondiale. Mentre il progetto del Terzo Reich sconvolge l’Europa, il miraggio di una vittoria facile e sicura convince Mussolini a schierarsi al fianco dell’alleato. Il 10 giugno 1940 l’imperativo “Vincere!” sancisce l’ingresso dell’Italia nel conflitto. Le acclamazioni della folla, però, celano un malcontento ormai diffuso: la crisi tra il popolo e il suo campione si è consumata. Montanelli e Cervi affrontano un periodo ricco di avvenimenti e conseguenze; con una competenza indiscussa e illuminata dalle memorie personali, ci raccontano “senza pregiudizi né partiti presi” un passaggio cruciale della nostra storia.

Commenti

Autori (2)


  • Mario Cervi

    Mario Cervi (Crema 1921) per molti anni è stato inviato speciale del "Corriere della Sera", articolista e inviato de "il Giornale" e de "la Voce". Dal 1997 al 2001 è stato direttore de "il Giornale" [...]

  • autore_img
    Indro Montanelli

    è stato il più grande giornalista italiano del Novecento: inviato speciale del “Corriere della Sera”, fondatore del “Giornale nuovo” nel 1974 e della “Voce” nel 1994, è tornato nel 1995 [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Genere e argomento: Storia e Avventura
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 12.00 €
    • Pagine: 416
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817049825
    • ISBN E-book: 9788858643037

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...