Infinita commedia

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Dal marciapiede, all’angolo tra corso Buenos Aires e piazzale Loreto, due senzatetto osservano l’affannata umanità che passa loro davanti. Moses, il più vecchio, è un ex bibliotecario; Camerata, il suo compagno, un tempo è stato uno scrittore di grande fama. Entrambi hanno un conto in sospeso con il passato e fantasmi più o meno morti: seminaristi plagiati, vecchi solitari, ragazzine smarrite, kebabbari e prostitute, un universo di dimenticati che ogni giorno si riunisce al bar Number One per il rito dell’Ora Felice. Ma quando il loro barista di fiducia si impicca nel retrobottega la routine si spezza: l’uomo è l’ennesima vittima della misteriosa epidemia di suicidi che sta contaminando Milano e l’Italia intera. L’unico modo per fare luce sulla faccenda è immergersi nel sottosuolo metropolitano che Moses e Camerata conoscono bene, fatto di miracoli e allucinazioni, dove tra culti pagani e fumi del peyote è possibile scorgere lo spettro di Mussolini e seguire Dostoevskij per le strade di Pietroburgo. Che forse non è Pietroburgo, ma solo piazzale Loreto, il luogo in cui tutte le storie si incontrano alla ricerca di un senso. Ferruccio Parazzoli ci conduce in un viaggio esistenziale tra i gironi di una Milano senza tempo, consegnandoci una commedia umana del quotidiano in cui gli ultimi e la strada sono i veri protagonisti.

Dal marciapiede, all’angolo tra corso Buenos Aires e piazzale Loreto, due senzatetto osservano l’affannata umanità che passa loro davanti. Moses, il più vecchio, è un ex bibliotecario; Camerata, il suo compagno, un tempo è stato uno scrittore di grande fama. Entrambi hanno un conto in sospeso con il passato e fantasmi più o meno morti: seminaristi plagiati, vecchi solitari, ragazzine smarrite, kebabbari e prostitute, un universo di dimenticati che ogni giorno si riunisce al bar Number One per il rito dell’Ora Felice. Ma quando il loro barista di fiducia si impicca nel retrobottega la routine si spezza: l’uomo è l’ennesima vittima della misteriosa epidemia di suicidi che sta contaminando Milano e l’Italia intera. L’unico modo per fare luce sulla faccenda è immergersi nel sottosuolo metropolitano che Moses e Camerata conoscono bene, fatto di miracoli e allucinazioni, dove tra culti pagani e fumi del peyote è possibile scorgere lo spettro di Mussolini e seguire Dostoevskij per le strade di Pietroburgo. Che forse non è Pietroburgo, ma solo piazzale Loreto, il luogo in cui tutte le storie si incontrano alla ricerca di un senso. Ferruccio Parazzoli ci conduce in un viaggio esistenziale tra i gironi di una Milano senza tempo, consegnandoci una commedia umana del quotidiano in cui gli ultimi e la strada sono i veri protagonisti.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Ferruccio Parazzoli

    è autore di numerosi saggi e romanzi tra i quali Trilogia di piazzale Loreto (2003-2006), Altare della patria (2011), Il vecchio che guardava tramontare i tramonti (2013), Né potere né gloria (2014 [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Narrativa moderna e contemporanea
    • Collana: LA SCALA
    • Prezzo: 21 €
    • Pagine: 400
    • Formato libro: 23 x 16
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817083072
    • ISBN E-book: 9788858682050

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...