Il Razzismo spiegato a mia figlia. Il montare dell’odio

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Nella prima edizione di questo fortunato volume (1998), che ha venduto oltre 300.000 copie, un grande scrittore spiegava alla sua bambina di dieci anni che cos'è il razzismo, come nasce, perché è un fenomeno così tristemente diffuso, dando vita a un dialogo capace di trascendere i confini dell'occasione intima e famigliare e porsi come lezione di vita per tutti i lettori. Sono passati sette anni, ma il problema del razzismo non ha fatto che aggravarsi soprattutto in seguito all'inasprirsi del terrorismo e della lotta senza quartiere condotta contro di esso con metodi sempre più pericolosi. Ben Jelloun riparte da questo preciso punto. Il suo sommesso e pacato dialogo con la figlia si arricchisce oggi di nuovi elementi: la ricostruzione della storia dell'Intifada, la spiegazione della differenza tra Islam e islamismo, l'analisi dei diversi fondamenti storico-ideologici degli usi e costumi di ebrei e palestinesi. La sua parola d'ordine è: tolleranza. Il suo credo è multiculturalità e l'elogio della diversità, in un mondo che diventa di giorno in giorno più complesso, e che richiede quindi la volontà di accogliere in se stessi più ampi orizzonti di pensiero e di azione, in nome di una convivenza senza egoismo che sconfigga una volta per tutte il tragico potere dell'odio.

Nella prima edizione di questo fortunato volume (1998), che ha venduto oltre 300.000 copie, un grande scrittore spiegava alla sua bambina di dieci anni che cos'è il razzismo, come nasce, perché è un fenomeno così tristemente diffuso, dando vita a un dialogo capace di trascendere i confini dell'occasione intima e famigliare e porsi come lezione di vita per tutti i lettori. Sono passati sette anni, ma il problema del razzismo non ha fatto che aggravarsi soprattutto in seguito all'inasprirsi del terrorismo e della lotta senza quartiere condotta contro di esso con metodi sempre più pericolosi. Ben Jelloun riparte da questo preciso punto. Il suo sommesso e pacato dialogo con la figlia si arricchisce oggi di nuovi elementi: la ricostruzione della storia dell'Intifada, la spiegazione della differenza tra Islam e islamismo, l'analisi dei diversi fondamenti storico-ideologici degli usi e costumi di ebrei e palestinesi. La sua parola d'ordine è: tolleranza. Il suo credo è multiculturalità e l'elogio della diversità, in un mondo che diventa di giorno in giorno più complesso, e che richiede quindi la volontà di accogliere in se stessi più ampi orizzonti di pensiero e di azione, in nome di una convivenza senza egoismo che sconfigga una volta per tutte il tragico potere dell'odio.

Commenti

Autore


  • autore_img
    Tahar Ben Jelloun

    TAHAR BEN JELLOUN è nato a Fès (Marocco) nel 1944, vive a Parigi. Poeta, romanziere e giornalista, ha vinto il Premio Goncourt nel 1987. È noto in Italia per i suoi numerosi libri [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: PASSAGGI
    • Prezzo: 8.50 €
    • Pagine: 144
    • Formato libro: 17 x 13
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845233685

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...