Il paradiso di Dante

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


È un luogo comune che l’ultima tratta del pellegrinaggio oltremondano di Dante sia la più difficile e la più tediosa. “Come scongiurare che l’insofferenza concepita a scuola per la terza cantica della Commedia si perpetui lungo tutta la vita degli ex alunni, attutita appena dalle montanti ovatte dell’oblio?” Raccontando – come fa Vittorio Sermonti – la passione mentale e la sbalorditiva bellezza che distillano “le supreme pagine di poesia del più gran libro del millennio scorso”: la passione mentale che fa dire a Dante ciò che non sa né può dire, la bellezza di una lingua “trasumanata” per esprimere l’inenarrabile, l’immemorabile, l’incomprensibile. Sermonti ci guida attraverso il portentoso happening di beati e di segni sacri allestito per Dante, astronauta mistico. È un viaggio nella luce e nel mistero: il mistero di un antico poeta di Firenze che sostiene di essere salito in carne e ossa nell’alto dei cieli, di essere stato contemporaneo di Dio nell’armoniosa unicità dell’Essere, di aver visto “la nostra effige” nella “luce etterna”, e che, tornato sulla terra, prende carta e penna e riesce bene o male a trascriverla, quell’esperienza, a emendamento e salvazione di noi poveri fratelli futuri, in una lingua futura, a chiusa del libro sacro e comico che comincia: “Nel mezzo del cammin di nostra vita”.

È un luogo comune che l’ultima tratta del pellegrinaggio oltremondano di Dante sia la più difficile e la più tediosa. “Come scongiurare che l’insofferenza concepita a scuola per la terza cantica della Commedia si perpetui lungo tutta la vita degli ex alunni, attutita appena dalle montanti ovatte dell’oblio?” Raccontando – come fa Vittorio Sermonti – la passione mentale e la sbalorditiva bellezza che distillano “le supreme pagine di poesia del più gran libro del millennio scorso”: la passione mentale che fa dire a Dante ciò che non sa né può dire, la bellezza di una lingua “trasumanata” per esprimere l’inenarrabile, l’immemorabile, l’incomprensibile. Sermonti ci guida attraverso il portentoso happening di beati e di segni sacri allestito per Dante, astronauta mistico. È un viaggio nella luce e nel mistero: il mistero di un antico poeta di Firenze che sostiene di essere salito in carne e ossa nell’alto dei cieli, di essere stato contemporaneo di Dio nell’armoniosa unicità dell’Essere, di aver visto “la nostra effige” nella “luce etterna”, e che, tornato sulla terra, prende carta e penna e riesce bene o male a trascriverla, quell’esperienza, a emendamento e salvazione di noi poveri fratelli futuri, in una lingua futura, a chiusa del libro sacro e comico che comincia: “Nel mezzo del cammin di nostra vita”.

Commenti

Autore


  • Vittorio Sermonti

    narratore, saggista, traduttore, regista, attore, si è sempre occupato del rapporto tra scrittura e voce. Ha scritto, tra l’altro, tre romanzi, un libro di racconti, un saggio-epopea sul calcio, un [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bur
    • Genere e argomento: Classici e Critica letteraria
    • Collana: GRANDI CLASSICI BUR
    • Prezzo: 13.00 €
    • Pagine: 656
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817074612

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...