Il linguaggio delle news

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


L?informazione televisiva nel nostro Paese sembra non riuscire ad affrancarsi, anche nel linguaggio, da una forte influenza della cultura della carta stampata (la prima pagina, l?editoriale...), lontano dai modelli che all?estero ? soprattutto nel mondo anglosassone ? valorizzano correttamente le modalità espressive tipiche del mezzo: immagini e suoni. Un limite che ha influito negativamente sul giornalismo italiano alla svolta della rivoluzione digitale, con l?affermarsi anche nelle agenzie di stampa e nei giornali della nuova figura di reporter multimediale e multiruolo munito di telecamera. In questo contesto, a partire da un quadro teorico solido, aggiornato e attento al panorama internazionale, e forte dell?esperienza diretta dell?autore ? conduttore e inviato del Tg2 ?, il libro analizza i principi fondamentali e le tecniche del linguaggio audiovisivo applicato all?informazione, quel ?linguaggio da video? che in un tempo contenuto deve raccontare e coinvolgere, far comprendere e memorizzare, servendosi di tutti gli strumenti a disposizione di un giornalismo corretto ed efficace: dal reperimento delle fonti alla stesura della notizia, dall?uso delle inquadrature al suono, dal montaggio del pezzo alla struttura complessiva dei servizi. Un manuale operativo per tutti gli aspiranti videogiornalisti e per chiunque debba produrre informazioni audiovisive. Una guida per traghettare il lettore dall?impostazione classica della comunicazione a quella audiovisiva, perché possa muoversi nel mondo multimediale senza perdere l?orientamento e il contatto con la realtà. L?autore: Sandro Petrone, giornalista professionista, lavora alla Rai, dove è conduttore e inviato speciale e di guerra del Tg2. Ha seguito gli avvenimenti più importanti degli ultimi decenni: dall?attentato al Papa alla guerra del Golfo, dalla caduta del Muro di Berlino agli attacchi alle Torri Gemelle, dagli attentati di Madrid a quelli di Oslo, alla Primavera araba in Tunisia e Libia. Dal 1996 trascorre lunghi periodi negli Stati Uniti e segue le elezioni presidenziali. Insegna Giornalismo radio televisivo alla facoltà di Scienze della Comunicazione di Roma ?La Sapienza? e al Master di giornalismo dello Iulm a Milano.

L?informazione televisiva nel nostro Paese sembra non riuscire ad affrancarsi, anche nel linguaggio, da una forte influenza della cultura della carta stampata (la prima pagina, l?editoriale...), lontano dai modelli che all?estero ? soprattutto nel mondo anglosassone ? valorizzano correttamente le modalità espressive tipiche del mezzo: immagini e suoni. Un limite che ha influito negativamente sul giornalismo italiano alla svolta della rivoluzione digitale, con l?affermarsi anche nelle agenzie di stampa e nei giornali della nuova figura di reporter multimediale e multiruolo munito di telecamera. In questo contesto, a partire da un quadro teorico solido, aggiornato e attento al panorama internazionale, e forte dell?esperienza diretta dell?autore ? conduttore e inviato del Tg2 ?, il libro analizza i principi fondamentali e le tecniche del linguaggio audiovisivo applicato all?informazione, quel ?linguaggio da video? che in un tempo contenuto deve raccontare e coinvolgere, far comprendere e memorizzare, servendosi di tutti gli strumenti a disposizione di un giornalismo corretto ed efficace: dal reperimento delle fonti alla stesura della notizia, dall?uso delle inquadrature al suono, dal montaggio del pezzo alla struttura complessiva dei servizi. Un manuale operativo per tutti gli aspiranti videogiornalisti e per chiunque debba produrre informazioni audiovisive. Una guida per traghettare il lettore dall?impostazione classica della comunicazione a quella audiovisiva, perché possa muoversi nel mondo multimediale senza perdere l?orientamento e il contatto con la realtà. L?autore: Sandro Petrone, giornalista professionista, lavora alla Rai, dove è conduttore e inviato speciale e di guerra del Tg2. Ha seguito gli avvenimenti più importanti degli ultimi decenni: dall?attentato al Papa alla guerra del Golfo, dalla caduta del Muro di Berlino agli attacchi alle Torri Gemelle, dagli attentati di Madrid a quelli di Oslo, alla Primavera araba in Tunisia e Libia. Dal 1996 trascorre lunghi periodi negli Stati Uniti e segue le elezioni presidenziali. Insegna Giornalismo radio televisivo alla facoltà di Scienze della Comunicazione di Roma ?La Sapienza? e al Master di giornalismo dello Iulm a Milano.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli Etas
    • Genere e argomento: Marketing e Comunicazione
    • Collana: ECONOMIA E STORIA ECONOMICA
    • Prezzo: 20.00 €
    • Pagine: 368
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817051835

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...