Gli Angeli di Cocteau

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


A Sanremo, alla fine della guerra, il diciannovenne Sergio Ferrero conosce Federico Almansi, il «celeste scolaro» protagonista dell’ultima stagione della poesia di Saba, e attraverso di lui entra in contatto con il poeta. Inizia così una corrispondenza che copre quasi un decennio (gli anni della maturazione di Ferrero e quelli del definitivo decadimento di Saba), in cui voci e ruoli appaiono da subito interscambiabili. Il giovane cerca rassicurazioni nel maestro; il «maestro» che tale non si è mai sentito, prigioniero della Trieste che ama e odia, ha bisogno di respirare l’aria fresca della giovinezza. Tra i due fa continuamente capolino la figura di Federico, con il sogno di un futuro nella letteratura ma anche le prime avvisaglie della malattia mentale che di lì a poco lo annienterà. Un carteggio che si legge come un romanzo, pieno di micro racconti esilaranti: il furto di una copia del Canzoniere architettato da Saba nella sua stessa libreria, la correzione delle bozze in un fumoso bar-biliardo nei pressi della stazione Centrale di Milano, un’arcadica lettura di poesie nei boschi con ragazzi arrampicati sugli alberi. Il tutto corredato da una prefazione, scritta da Ferrero ottantenne con la penna felice ed esatta di tanti suoi romanzi, che ci consegna un’immagine inedita e segreta di uno dei maggiori poeti del Novecento.

A Sanremo, alla fine della guerra, il diciannovenne Sergio Ferrero conosce Federico Almansi, il «celeste scolaro» protagonista dell’ultima stagione della poesia di Saba, e attraverso di lui entra in contatto con il poeta. Inizia così una corrispondenza che copre quasi un decennio (gli anni della maturazione di Ferrero e quelli del definitivo decadimento di Saba), in cui voci e ruoli appaiono da subito interscambiabili. Il giovane cerca rassicurazioni nel maestro; il «maestro» che tale non si è mai sentito, prigioniero della Trieste che ama e odia, ha bisogno di respirare l’aria fresca della giovinezza. Tra i due fa continuamente capolino la figura di Federico, con il sogno di un futuro nella letteratura ma anche le prime avvisaglie della malattia mentale che di lì a poco lo annienterà. Un carteggio che si legge come un romanzo, pieno di micro racconti esilaranti: il furto di una copia del Canzoniere architettato da Saba nella sua stessa libreria, la correzione delle bozze in un fumoso bar-biliardo nei pressi della stazione Centrale di Milano, un’arcadica lettura di poesie nei boschi con ragazzi arrampicati sugli alberi. Il tutto corredato da una prefazione, scritta da Ferrero ottantenne con la penna felice ed esatta di tanti suoi romanzi, che ci consegna un’immagine inedita e segreta di uno dei maggiori poeti del Novecento.

Commenti

Autore


  • Umberto Saba

    Umberto Saba (1883-1957). Vissuto nella Trieste mitteleuropea, versò nel suo Canzoniere i riflessi di una vita intensa e complessa, segnata anche da traumi che lo condussero a sottoporsi alla p [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Archinto
    • Genere e argomento: Biografie e Memoir
    • Collana: ARCHINTO-LETTERE
    • Prezzo: 14.00 €
    • Pagine: 128
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788877686343

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...