Elogio della nudità

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Sei storie vere di nudità che hanno attirato l’attenzione, solleticato desideri, imbarazzato, scandalizzato e, in definitiva, messo in luce l’assurda complessità con cui compiamo un gesto quotidiano come toglierci i vestiti. Lucy è stato uno degli ultimi ominidi ancora coperti da una folta pelliccia, persa la quale ci siamo trovati nudi, costretti a inventare insieme i vestiti e la vergogna. Lise è la turista danese in shorts processata in Sicilia negli anni della rivoluzione sessuale. Eva e il suo Wonderbra sono un esempio emblematico del potere seduttivo del corpo nella pubblicità. Inna è la leader delle Femen, le femministe che manifestano in topless. Dita è la regina del burlesque, una forma di spogliarello che nei secoli scorsi ha sovvertito i rapporti di classe e di genere. Anthony è il politico americano che ha compromesso la sua carriera per colpa degli autoscatti erotici. Noi umani ci spogliamo ogni giorno, ma con la nudità abbiamo un rapporto contraddittorio: nudo è bello ma anche brutto, è il simbolo del peccato ma anche dell’innocenza, è pagano e sacro, edonista e ascetico. Mostrarsi nudi significa esporre la propria umana fragilità, ma anche offendere e provocare. Voglia di piacere, pudore, pregiudizi, norme sociali, tendenze estetiche, appartenenze culturali si incastrano come ingranaggi nel cervello di ognuno, spesso in modo diverso per uomini e donne. Muovendosi tra psicologia e sessualità, storia del costume e della morale, arte e moda, questo libro illustra le tante facce della nudità. La nostra condizione naturale con cui stiamo ancora imparando a convivere.

Sei storie vere di nudità che hanno attirato l’attenzione, solleticato desideri, imbarazzato, scandalizzato e, in definitiva, messo in luce l’assurda complessità con cui compiamo un gesto quotidiano come toglierci i vestiti. Lucy è stato uno degli ultimi ominidi ancora coperti da una folta pelliccia, persa la quale ci siamo trovati nudi, costretti a inventare insieme i vestiti e la vergogna. Lise è la turista danese in shorts processata in Sicilia negli anni della rivoluzione sessuale. Eva e il suo Wonderbra sono un esempio emblematico del potere seduttivo del corpo nella pubblicità. Inna è la leader delle Femen, le femministe che manifestano in topless. Dita è la regina del burlesque, una forma di spogliarello che nei secoli scorsi ha sovvertito i rapporti di classe e di genere. Anthony è il politico americano che ha compromesso la sua carriera per colpa degli autoscatti erotici. Noi umani ci spogliamo ogni giorno, ma con la nudità abbiamo un rapporto contraddittorio: nudo è bello ma anche brutto, è il simbolo del peccato ma anche dell’innocenza, è pagano e sacro, edonista e ascetico. Mostrarsi nudi significa esporre la propria umana fragilità, ma anche offendere e provocare. Voglia di piacere, pudore, pregiudizi, norme sociali, tendenze estetiche, appartenenze culturali si incastrano come ingranaggi nel cervello di ognuno, spesso in modo diverso per uomini e donne. Muovendosi tra psicologia e sessualità, storia del costume e della morale, arte e moda, questo libro illustra le tante facce della nudità. La nostra condizione naturale con cui stiamo ancora imparando a convivere.

Commenti

Autore


  • Anna Meldolesi

    scrive di cultura e attualità scientifica sul “Corriere della sera”. I suoi ultimi libri sono Mai nate. Perché il mondo ha perso 100 milioni di donne (Mondadori Università) e Organismi geneti [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Collana: OVERLOOK
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 144
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845280764

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...