Commentari reali degli inca

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“AFFERMO FIN DALL’INIZIO CHE DI MONDI VE N’È UNO SOLO, E SE SI PARLA DI VECCHIO E DI NUOVO, CIÒ ACCADE PERCHÉ IL SECONDO È STATO NOVELLAMENTE SCOPERTO DA NOI, NON GIÀ PERCHÉ VE NE SIANO DUE.”

 

Pubblicati a Lisbona nel 1609, i Commentari reali degli Inca appaiono da subito come un libro destinato a lasciare una traccia profonda nella storiografia moderna: essi infatti sono opera di Garcilaso de la Vega, detto “l’Inca”, un meticcio figlio di un capitano spagnolo e di una peruviana di sangue regale, e rappresentano dunque il primo tentativo di uno sguardo “dall’interno” nella realtà della civiltà precolombiana. La monumentale opera di Garcilaso, in cui si uniscono le memorie della tradizione incaica alla narrazione della conquista spagnola, è però qualcosa di più di un semplice resoconto storico. La scrittura fluida e maestosa di Garcilaso – ritenuto uno dei maggiori prosatori di lingua spagnola – tesse un racconto in cui si sposano l’antico e il moderno, il mito e la cronaca, la nostalgia di un passato irrecuperabile e la coscienza dell’incedere degli eventi: un racconto, pertanto, “meticcio” come il suo autore, e apolide nel panorama dei generi letterari. E ancora oggi le sue pagine si presentano a noi come l’orizzonte in cui il Nuovo Mondo perde definitivamente la propria estraneità agli occhi dell’Occidente.

“AFFERMO FIN DALL’INIZIO CHE DI MONDI VE N’È UNO SOLO, E SE SI PARLA DI VECCHIO E DI NUOVO, CIÒ ACCADE PERCHÉ IL SECONDO È STATO NOVELLAMENTE SCOPERTO DA NOI, NON GIÀ PERCHÉ VE NE SIANO DUE.”

 

Pubblicati a Lisbona nel 1609, i Commentari reali degli Inca appaiono da subito come un libro destinato a lasciare una traccia profonda nella storiografia moderna: essi infatti sono opera di Garcilaso de la Vega, detto “l’Inca”, un meticcio figlio di un capitano spagnolo e di una peruviana di sangue regale, e rappresentano dunque il primo tentativo di uno sguardo “dall’interno” nella realtà della civiltà precolombiana. La monumentale opera di Garcilaso, in cui si uniscono le memorie della tradizione incaica alla narrazione della conquista spagnola, è però qualcosa di più di un semplice resoconto storico. La scrittura fluida e maestosa di Garcilaso – ritenuto uno dei maggiori prosatori di lingua spagnola – tesse un racconto in cui si sposano l’antico e il moderno, il mito e la cronaca, la nostalgia di un passato irrecuperabile e la coscienza dell’incedere degli eventi: un racconto, pertanto, “meticcio” come il suo autore, e apolide nel panorama dei generi letterari. E ancora oggi le sue pagine si presentano a noi come l’orizzonte in cui il Nuovo Mondo perde definitivamente la propria estraneità agli occhi dell’Occidente.

Commenti

Autore


  • Garcilaso De La Vega

    GARCILASO DE LA VEGA nasce a Cuzco nel 1539. A ventun anni, con in tasca pochi pesos lasciatigli in eredità dal padre, abbandona il Perù per recarsi a studiare in Spagna. Partecipa alla repressione [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Bompiani
    • Genere e argomento: Storia e Avventura
    • Collana: GRANDI TASCABILI
    • Prezzo: 17.50 €
    • Pagine: 1024
    • Formato libro: 20 x 13
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845266621
    • ISBN E-book: 9788858712580

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...