American widow

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


La bellezza di American Widow è nella messa in scena dei temi più spinosi e controversi del dolore, e nella totale assenza di retorica.
“The New York Times”

11 settembre 2001, ore 8:46. Un volo, un impatto, uno schianto: il cuore del mondo salta di un battito, la vita di migliaia di persone precipita nel caos e nella disperazione. Tra le pieghe di una nazione allo sbando si affolla un’umanità incredula, travolta da un uragano di dolore da cui sembra impossibile uscire: tra gli altri anche la giovane Alissa, che l’attacco ha reso vedova di Edoardo a due mesi dalla nascita del loro bambino. Ma il lutto è solo l’inizio del dolore: quando la grande macchina della solidarietà si metterà in moto, per poter ricominciare a vivere Alissa dovrà lottare con tutte le proprie forze per non rimanere schiacciata dall’astio di chi la circonda, e dalle ipocrisie della politica e della burocrazia.

All’inizio c’era un cielo azzurro e una bella giornata. E c’erano due bestie alate di metallo, non diverse da tutte le altre che volano… tranne che quel giorno erano guidate da uomini folli, armati di propositi terribili. E poi le bestie di metallo scatenarono mostri di fuoco che divorarono tutto.

American Widow è la storia autobiografica di Alissa Torres, una donna americana la cui vita viene completamente sconvolta dall’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York: sposata da poco con Edoardo, un giovane immigrato colombiano, è incinta di oltre sette mesi quando la tragedia del World Trade Center glielo porta via per sempre. Abbandonata a se stessa, Alissa si troverà così a dover affrontare un duplice incubo: la perdita dell’amore della sua vita – nonché del padre di suo figlio – e l’orrore delle trafile burocratiche per accedere ai fondi destinati ai parenti delle vittime, peggiorato dalla strumentalizzazione della sua sciagura a opera dei media e delle associazioni di solidarietà.
La più grande tragedia mediatica della storia raccontata attraverso un dramma privato, nel primo graphic novel autobiografico sui cambiamenti, le paure e le ipocrisie della società americana post 11 settembre.

La bellezza di American Widow è nella messa in scena dei temi più spinosi e controversi del dolore, e nella totale assenza di retorica.
“The New York Times”

11 settembre 2001, ore 8:46. Un volo, un impatto, uno schianto: il cuore del mondo salta di un battito, la vita di migliaia di persone precipita nel caos e nella disperazione. Tra le pieghe di una nazione allo sbando si affolla un’umanità incredula, travolta da un uragano di dolore da cui sembra impossibile uscire: tra gli altri anche la giovane Alissa, che l’attacco ha reso vedova di Edoardo a due mesi dalla nascita del loro bambino. Ma il lutto è solo l’inizio del dolore: quando la grande macchina della solidarietà si metterà in moto, per poter ricominciare a vivere Alissa dovrà lottare con tutte le proprie forze per non rimanere schiacciata dall’astio di chi la circonda, e dalle ipocrisie della politica e della burocrazia.

All’inizio c’era un cielo azzurro e una bella giornata. E c’erano due bestie alate di metallo, non diverse da tutte le altre che volano… tranne che quel giorno erano guidate da uomini folli, armati di propositi terribili. E poi le bestie di metallo scatenarono mostri di fuoco che divorarono tutto.

American Widow è la storia autobiografica di Alissa Torres, una donna americana la cui vita viene completamente sconvolta dall’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York: sposata da poco con Edoardo, un giovane immigrato colombiano, è incinta di oltre sette mesi quando la tragedia del World Trade Center glielo porta via per sempre. Abbandonata a se stessa, Alissa si troverà così a dover affrontare un duplice incubo: la perdita dell’amore della sua vita – nonché del padre di suo figlio – e l’orrore delle trafile burocratiche per accedere ai fondi destinati ai parenti delle vittime, peggiorato dalla strumentalizzazione della sua sciagura a opera dei media e delle associazioni di solidarietà.
La più grande tragedia mediatica della storia raccontata attraverso un dramma privato, nel primo graphic novel autobiografico sui cambiamenti, le paure e le ipocrisie della società americana post 11 settembre.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Lizard
    • Genere e argomento: Fumetti e Graphic Novel
    • Collana: LIZARD
    • Prezzo: 18.90 €
    • Pagine: 216
    • Formato libro: 24 x 17
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817052252

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...