All’origine della pretesa cristiana

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Il destino non ha lasciato solo l’uomo.
Il cristianesimo è un avvenimento: Gesù di Nazareth, annunciato dalla profezia ebraica.”

In questo secondo volume del suo PerCorso, don Giussani mostra il passaggio dal senso religioso in generale all’avvenimento di Gesù Cristo, cioè all’esperienza religiosa cristiana.
Dopo un’introduzione in cui si riepilogano gli aspetti salienti della riflessione sul senso religioso, l’Autore aiuta a rendersi conto di come l’uomo in tutti i tempi, fin dalle sue origini remote, abbia sentito la necessità di mettersi in rapporto con il mistero ultimo, mediante tentativi che hanno fatto nascere le varie religioni. L’impossibilità a raggiungere chiarezza e sicurezza ha fatto sentire all’uomo l’urgenza o la necessità di un aiuto offerto dallo stesso mistero, cioè di una rivelazione. Ma tutte le affermazioni in tal senso nelle diverse storie spirituali dei popoli sono state come “superate” da un fatto eccezionale: in un certo momento storico un uomo, Gesù di Nazareth, non solo ha rivelato il mistero di Dio, ma ha identificato se stesso con il divino.
Come questo avvenimento abbia iniziato a imporsi all’attenzione degli uomini; come abbia creato una chiara convinzione; in che modo abbia comunicato il mistero della sua persona; come abbia confermato il suo svelarsi con una concezione nuova e perfetta della vita umana; tutto ciò è il contenuto di questo volume.
«In esso», afferma l’Autore, «ho voluto esprimere la ragione per cui un uomo può credere a Cristo: la profonda corrispondenza umana e ragionevole delle sue esigenze con l’avvenimento dell’uomo Gesù di Nazareth.»

“Il destino non ha lasciato solo l’uomo.
Il cristianesimo è un avvenimento: Gesù di Nazareth, annunciato dalla profezia ebraica.”

In questo secondo volume del suo PerCorso, don Giussani mostra il passaggio dal senso religioso in generale all’avvenimento di Gesù Cristo, cioè all’esperienza religiosa cristiana.
Dopo un’introduzione in cui si riepilogano gli aspetti salienti della riflessione sul senso religioso, l’Autore aiuta a rendersi conto di come l’uomo in tutti i tempi, fin dalle sue origini remote, abbia sentito la necessità di mettersi in rapporto con il mistero ultimo, mediante tentativi che hanno fatto nascere le varie religioni. L’impossibilità a raggiungere chiarezza e sicurezza ha fatto sentire all’uomo l’urgenza o la necessità di un aiuto offerto dallo stesso mistero, cioè di una rivelazione. Ma tutte le affermazioni in tal senso nelle diverse storie spirituali dei popoli sono state come “superate” da un fatto eccezionale: in un certo momento storico un uomo, Gesù di Nazareth, non solo ha rivelato il mistero di Dio, ma ha identificato se stesso con il divino.
Come questo avvenimento abbia iniziato a imporsi all’attenzione degli uomini; come abbia creato una chiara convinzione; in che modo abbia comunicato il mistero della sua persona; come abbia confermato il suo svelarsi con una concezione nuova e perfetta della vita umana; tutto ciò è il contenuto di questo volume.
«In esso», afferma l’Autore, «ho voluto esprimere la ragione per cui un uomo può credere a Cristo: la profonda corrispondenza umana e ragionevole delle sue esigenze con l’avvenimento dell’uomo Gesù di Nazareth.»

Commenti

Autore


  • Luigi Giussani

    (1922-2005) compie i suoi studi presso la Facoltà Teologica di Venegono, nella quale insegna per alcuni anni. Dal 1954 lascia l’insegnamento in seminario per quello nelle scuole superiori. Dal 1964 [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli
    • Genere e argomento: Religione e Spiritualità
    • Collana: SAGGI
    • Prezzo: 11.00 €
    • Pagine: 168
    • Formato libro: 22 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817053853
    • ISBN E-book: 9788858619841

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...