William Steig



Biografia

Nato a New York nel 1907 e morto a Boston nel 2003, cominciò a disegnare per «The New Yorker» nel 1930 e, nei successivi 73 anni, firmò 121 copertine e 1676 illustrazioni. Pubblicò i primi albi illustrati nel 1968, vincendo la sua prima Caldecott Medal nel 1970 con Silvestro e il sassolino magico. Seguirono una trentina di albi, tra cui The Amazing Bone (Margherita e l’osso parlante), che vinse il Caldecott Honor Book nel 1977; Abel’s Island, Doctor de Soto, entrambi premiati con il Newbery Honor Book; e, nel 1990, Shrek! (Rizzoli, 2016) che ispirò i film della DreamWorks. William Steig ha vissuto con la famiglia per un periodo in Inghilterra, nella campagna inglese del Kent, dove davanti alla finestra del suo studio c’era una grande roccia che, diceva, gli ricordava molto Silvestro.

William Steig

Nato a New York nel 1907 e morto a Boston nel 2003, cominciò a disegnare per «The New Yorker» nel 1930 e, nei successivi 73 anni, firmò 121 copertine e 1676 illustrazioni. Pubblicò i primi albi illustrati nel 1968, vincendo la sua prima Caldecott Medal nel 1970 con Silvestro e il sassolino magico. Seguirono una trentina di albi, tra cui The Amazing Bone (Margherita e l’osso parlante), che vinse il Caldecott Honor Book nel 1977; Abel’s Island, Doctor de Soto, entrambi premiati con il Newbery Honor Book; e, nel 1990, Shrek! (Rizzoli, 2016) che ispirò i film della DreamWorks. William Steig ha vissuto con la famiglia per un periodo in Inghilterra, nella campagna inglese del Kent, dove davanti alla finestra del suo studio c’era una grande roccia che, diceva, gli ricordava molto Silvestro.

    Non sono presenti foto per l'autore.

Non ci sono video da visualizzare.